Biscotti intinti nel cioccolato

Biscotti intinti nel cioccolato fondente. Sono una goduria per lo spirito, semplicissimi da fare, facilissimi da appendere con un nastrino all’albero. Spopolano in Usa come biscotti black e white, ma sono facili da trovare anche nelle nostre pasticcerie. Certo farli in casa dà un’altra soddisfazione. L’importante è che non siano troppo dorati per essere belli e buoni. Nell’impasto per renderli più friabili e gustosi c’è un pizzico di farina di mandorle. Ad essere proprio proprio precisi il cioccolato va temperato per essere lucido e croccante.

Biscotti intinti nel cioccolato fondente

Ingredienti 

farina 00 | 140 g
farina di mandorle | 100 g
burro | 80 g
olio di semi di arachide | 2 cucchiai
uova | 1
zucchero semolato | 90 g

per la decorazione
cioccolato fondente già temperato, non in gocce | 200 g

Procedimento

Fare una frolla seguendo il procedimento normale lavorando burro e zucchero e poi tutti gli altri ingredienti.

Sparare l’impasto con la pistola per biscotti (l’ideale è  e cuocerli a 150°C per circa 15 minuti.

Biscotti intinti nel cioccolato fondente prima che si asciughino

 

Far raffreddare bene i biscotti perché non siano troppo fragili da intingere.

Fondere il cioccolato a bagnomaria pianissimo senza null’altro, in modo che il cioccolato torni solido. Se non avete tavolette già temperate seguite il procedimento descritto sulle scorzette di zenzero per avere un cioccolato lucido e croccante.

Intingere metà biscotto nel cioccolato, sgocciolarlo e farlo rassodare su una gratella perché il cioccolato in eccesso coli. Serviranno almeno 4-5 ore per avere il biscotto finito. Toglierlo dalla grata facendo attenzione che non si spezzi con l’aiuto di una spatola.

Per evitare che restino macchie sui biscotti intinti nel cioccolato, non toccarli mai sul lato del cioccolato ed evitare posti umidi per la conservazione. L’ideale per conservare i biscotti intinti nel cioccolato è una scatola di latta.