Fave e cicoria

E’ un piatto povero della cucina pugliese. Pochi gli ingredienti necessari: fave secche, cicoria e un buon olio d’oliva. E’ un piatto abbastanza proteico e al posto della classica zuppa depurante molto gustoso. In più è uno dei pochi modi per attutire il sapore amaro della cicoria e farla piacere anche a chi di solito non la ama.

Ingredienti (per due persone)

fave sgusciate (da lessare senza ammollo) | 200 g
cicoria | 1 cespo
cipolla bianca | 1/4
olio extravergine d’oliva | qb
sale e pepe | qb

Procedimento

In una pentola a pressione mettere le fave, dopo averle sciacquate con acqua fredda. Portare ad ebollizione e lasciare andare 20 minuti. Tagliate la cipolla a piccoli pezzi. Lavate la cicoria. Tagliatela a tocchetti e dividete la parte con più “foglia” da quella con più “gambo”.

In un wok rosolate la cipolla. Aggiungete la parte di cicoria più dura da cuocere, con meno parte verde e saltatela. Coprite e fate andare a fuoco lento, aggiungendo un pochino di acqua se serve. Dopo dieci minuti aggiungete anche la restante cicoria e proseguite la cottura altri 7 minuti piano stufandola. Aggiungete il sale, se serve.

Scolate, ma non del tutto le fave, frullatele nel mixer ad immersione e fatele andare piano sul gas fino a che non raggiungeranno la consistenza di un purè. Regolate il sale.

Servire il purè di fave, con la cicoria. Mettere un filo di olio a crudo e una macinata di pepe.