Focaccia estiva: pomodorini e fiori di zucca

Ultimo scampolo d’estate, temo, e poi anche l’orto, per dirla alla bellunese, “andrà a remengo” (cioè va in rovina, diciamo). E’ il primo settembre e la pioggia ha iniziato a scendere insieme alle temperature, ma qualche pomodorino e fiore di zucca si intravede ancora. Ecco, quindi, la focaccina concentrato di sole e sapore per valorizzare gli ultimi prodotti della terra. La temperatura di cottura è più bassa del solito per evitare che i fiori brucino e per lo stesso motivo il tempo di permanenza in forno sarà più lungo tra la mezz’ora e i 45 minuti.

Ingredienti (per una focaccia 30X25 circa)

farina per pane | 150 g
fiori di zucca | 4
pomodorini ciliegina | una trentina
acqua | 120 g
lievito naturale essicato | 4 g
olio extravergine d’oliva | 4 cucchiai
sale fino | mezzo cucchiaino
sale grosso | una manciata
basilico | 4 foglie grandi
semola rimacinata di grano duro | 50 g più un po’ per la spianatoia

Procedimento

Impastare le farine con 80 g di acqua e il lievito. Lasciare riposare un’ora.

Pulire i pomodori e i fiori di zucca, togliendo la parte centrale e facendoli a strisce.

Aggiungere l’acqua restante (40 g) all’impasto, due cucchiai d’olio e il sale fino all’impasto. Stenderlo su carta da forno con l’aiuto di abbondante farina di grano duro, sotto e sopra perché non appiccichi. Togliere l’eccesso, passare con un pennello o con le mani i due cucchiai d’olio restanti sulla superficie e lasciare riposare un’ora al caldo (inferiore ai 30°C), in luogo riparato dalle correnti d’aria, con un canovaccio di lino o tela a copertura (ogni tanto dargli un’occhio che non si appiccichi).

Aggiungere il sale grosso, i pomodorini, i fiori di zucca e il basilico spezzettato con le dita premendo delicatamente sull’impasto perché si attacchino.

Infilare in forno una bacinella d’acqua con due bicchieri di acqua (o accendere il vapore) e la foccaccia. Portare il forno a 120°C. Quando è arrivato a temperatura lasciare la focaccia cuocere così per 15 minuti. Poi alzare la temperatura a 150°C per altri 15 minuti o fino a doratura.