Pane al latte

Dolce e dal gusto morbido, meglio del latte, c’è solo il pane al latte. Non è difficile da fare, anche se fare in modo che non abbia una crosta dura non è sempre scontato. Conta molto la cottura, lenta all’inizio e con possibilmente un po’ di umidità nella camera del forno. Ovviamente ci vuole il tempo della lievitazione, il latte rigorosamente intero e la farina buona. Qui ci va anche un pizzico di 00, che lascia il pane più consistente e un po’ umido in bocca, oltre alla normale farina da pane, che come è noto, non solo per il pane al latte, deve essere ricca di proteine in modo da contenere tra le maglie, per così dire, l’aria che si forma con la lievitazione. Per tutti i dettagli vi rimando ad un interessante articolo sulla forza della farina.

Pane al latte

Pane al latte

Pane al latte

Ingredienti

farina per pane | 250 g
farina 00 | 50 g

latte intero | 170 g
lievito naturale essiccato | 6 g
oppure
lievito di birra | 4 g
sale | mezzo cucchiaino
burro | 50 g
zucchero | 20 g

Preparazione

Fare uno starter per il pane al latte con lievito, metà del latte e le farine. Lasciare riposare mezz’ora. Aggiungere il burro a temperatura ambiente, lo zucchero, il sale e il restante latte anche questo non freddo da frigo.

Formare i panini al latte (circa 5-6 cm di diametro), che raddoppieranno poi di volume. Lasciarli lievitare per due ore almeno, meglio tre. Cuocere il pane da forno freddo per 120 minuti a 130°C con umidità in camera (una bacinella di pyrex con un bicchiere d’acqua) e poi alzare a 160°C per un altro quarto d’ora. Queste accortezze servono per fare in modo che il pane al latte non formi una crosta dura. Se la volete, poi, colorata basta un pizzico di latte e/o burro fuso passato sopra al pane al latte prima della cottura con un pennello.

Far raffreddare il pane al latte su una grata bucherellata prima di mangiarlo.