Pasta al pesto rucola e pomodorini

Pasta al pesto rucola e pomodorini. E ancora? Sì, insomma, avete ragione, il pesto va di moda su questo blog ultimamente, ma stavolta si tratta di sugo facile per la pasta che tante e tante volte è poco gradevole se mangiato fuori casa. L’idea alletta, ma poi – “Bleah!”  – ci si trova di fronte un pesto di rucola amaro, se non immangiabile.

Per la pasta al pesto rucola e pomodorini, intanto, è auspicabile utilizzare la rucola fresca, meglio se coltivata in vaso e ancora piccola. Non ci vuole tanto impegno a farla nemmeno in casa, l’unica accortezza è ricordarsi di dare da bere ai semi e poi ai germogli, piccola ovvietà che per me non è sempre scontata;) Infatti, ho usato la ben più pratica rucola in busta, lavata e asciugata delicatamente, grazie Ortoromi.

Attenzione: questo pesto rucola e pomodorini è inserita la ricotta, fondamentale se si usa l’insalata di quarta gamma. Il pesto rucola e ricotta risulta ben meno unto, anzi, così si ottiene un pesto cremoso, senza essere pesante. Non volete utilizzare nulla che sia derivato dagli animali? Potete utilizzare per l’alternativa vegan un po’ di latte di cocco, si rapprenderà in un bel sugo alla rucola con il calore della pasta, ma ne va pochissimo anche in abbinamento ad un pizzico di farina di cocco o amido (tipo fecola o maizena).

pesto rucola e pomodorini

Pasta al pesto rucola e pomodorini

Pasta al pesto rucola e pomodorini

Ingredienti (per due persone)

dosi per una persona

pasta | 70 g
foglie di rucola lavate | 25 g
pinoli | 25 g
ricotta | 30 g 
grana o pecorino grattugiato | 10 g
pomodorini piccadilly | 6
aglio | qb (opzionale)
olio extra vergine d’oliva | 1 cucchiaio
sale | qb

Procedimento

Tostare leggermente i pinoli su una padella, meglio se antiaderente. Farli raffreddare.

Nel mixer a coltello o con un mortaio ridurli a farina.

Aggiungere, nell’ordine, poco alla volta la rucola lavata e asciugata, l’olio, la ricotta fredda da frigo per evitare che il pesto rucola e pomodorini annerisca, poi il grana. Se piace ci si può aggiungere l’aglio spremuto, con l’apposito strumento che evita ogni filamento sotto i denti o semplicemente, spellato e intero per insaporire il pesto rucola e pomodorini, in modo da poterlo togliere al momento del servizio.

Tagliare a metà i pomodorini. Rosolarli velocemente su una padella antiaderente già calda (va bene quella di prima dei pinoli). Riporli su un piatto appena sono morbidi, ma non sfatti.

Saltare la pasta nel sugo pesto rucola e pomodorini e decorare con i pomodorini e le foglie della rucola stessa (appena prima di portare tutto in tavola o si afflosciano).

Ortoromi