Pasta cavolfiore e pancetta

Questa pasta cavolfiore e pancetta è un po’ una variazione della pasta e cavolfiore alla siciliana. In Sicilia ci schiaffano immancabili pinoli e uvetta, io, invece, ci metto un po’ di pancetta. Ancora meglio se potete, ci sta il guanciale, questo sì siciliano, fatto con il maiale dei Nebrodi, come in foto. Certo non si ha sempre in casa, è ben più facile fare cavolo e pancetta. Il tema comunque è quello, anche se il guanciale è più croccante.

Fa un po’ specie mettere un’acciuga, che è pesce, in una pasta con la carne. Ma questa pasta cavolfiore pancetta ha un gusto deciso. Se volete una versione più light e dolce togliete cipolla e acciuga e aggiungete un pizzico di pepe di Sichuan.

pasta cavolfiore e pancetta

Pasta cavolfiore e pancetta

Pasta cavolfiore e pancetta

Ingredienti (per due persone)

pasta corta | 160 g
cavolfiore romano verde | 1 piccolo
pancetta o guanciale | 50 g
olio extravergine d’oliva| 30 qb
pepe nero o di Sichuan | qb
acciughe | 2 filetti
cipolla bianca | 30 g

Procedimento

Bollire il cavolfiore in acqua poco salata (il sugo ha già l’acciuga e la pancetta che lo insaporiscono) per circa 15-20 minuti fino a che diventa tenero e raffreddarlo sotto acqua fredda per far restare vivace il colore della verdura.

Tenere l’acqua. Nella stessa è possibile poi cuocere la pasta cavolfiore e pancetta per darle più sapore.

Su una padella antiaderente far rosolare a fuoco vivace i cubetti o le fettine di pancetta o guanciale. Metterle da parte su un piatto.

Far appassire piano la cipolla bianca tritata finemente sulla stessa padella con un cucchiaio d’olio, insieme al il grasso sprigionato dalla pancetta o del guanciale. Se è tanto meglio toglierne uno o due cucchiai. Quando la cipolla è trasparente sciogliere all’interno del sugo anche l’acciuga.

Frullare il cavolfiore, tranne qualche cimetta per decorare, con un po’ di acqua di cottura, la cipolla e l’acciuga, fino ad avere una sorta di vellutata densa, che sarà il sugo della pasta cavolfiore e pancetta. Assaggiare e aggiustare di sale e pepe il sugo di cavolo (pancetta o guanciale sono salati, va ricordato).

Scolare la pasta e ripassarla nel sugo cavolfiore e pancetta o guanciale. Ne va versata dentro circa la metà. Una parte della carne va tenuta per la decorazione. Aggiustare a occhio la consistenza del sugo con l’acqua di cottura, tenendo conto che la pasta tende ad asciugare. Servire la pasta cavolfiore e pancetta con un filo d’olio a crudo, le cimette di cavolfiore verde romano e la pancetta o guanciale.