Polenta e schie

Sono un piatto tradizionale veneto. In laguna non mancano mai, spesso anche con la farina di mais bianca. Le schie, gamberetti grigi di laguna, che vicino alle acque dolci appaiono soprattutto in inverno sono minuscoli, ma teneri e saporiti. Soprattutto quando si trovano già pelati 😉 Si condiscono con olio, prezzemolo e un pizzico d’aglio bolliti e rendono speciale il pranzo o la cena. Alle volte si possono trovare anche fritti e infarinati interi, perché hanno un carapace molto tenero.

Ingredienti (per una persona)

schie | 200 g
farina di mais | 70 g
prezzemolo | qb
sale e pepe | qb
olio extravergine d’oliva | qb
aglio | qb

Procedimento

Preparare la polenta mettendo a bollire 200 grammi di acqua su una pentola alta. Salarla e quando bolle piano con una frusta per non formare grumi aggiungere la farina. Lasciare andare almeno 40 minuti mescolando di tanto in tanto, se serve aggiungendo acqua per ottenere la consistenza di una crema, visto che molto varia da farina a farina.

Pelare le schie. Bollirle un minuto in acqua e metterle su una terrina con abbondante olio e prezzemolo e se piace aglio tagliato a pezzettini. Personalmente preferisco metterne uno spicchio schiacciato che tolgo al momento di servire.

Intiepidire in forno le schie e il piatto. Adagiare la polenta calda e le schie e portare in tavola.