Come riciclare bollito: paccheri ripieni al forno

Succede che quando fai il bollito poi ne avanzi un pochettino. Della carne non si butta via niente. Non solo del maiale. Tutti sappiamo ormai – visto quanto il “veganesimo” insegna – quanto costi in termini di dipendio di risorse.

Ecco come riciclare bollito con i pacchieri ripieni al forno, naturalmente pasticciati. Così per star leggeri.
Il piatto si presta soprattutto ad un ripieno di muscolo e coda del bollito avanzato. Però ‘sto piatto insomma è una di quelle cose che va bene con qualunque ripieno. Va bene anche per far fuori formati di pasta che si fatica a fare per via dei tempi di cottura prolungati, pacchetti o conchiglioni che siano.

come riciclare bollito

Come riciclare bollito

Ingredienti

per una forma diametro 20 cm circa

paccheri ı 250 gr
carne mista bollita ı 200 g
soffritto di verdure sedano/carota/cipolla ı 70 g
triplo concentrato di pomodoro ı 20 g
besciamella ı 500 g
parmigiano reggiano ı 40 g
sale, pepe, rosmarino, alloro, ginepro, olio extravergine d’oliva ı qb

Procedimento

Per il ripieno

Tagliare le verdure per soffritto in piccoli cubetti (va bene anche con il mixer) farle rosolare su una padella antiaderente o in un tegame di ghisa con un filo d’olio extravergine d’oliva per 10 minuti con coperchio. Se dovessero attaccare aggiungere un pochino di acqua. La precottura del soffritto si salta a pié pari se per riciclare bollito utilizzate le verdure del brodo.

Sfilacciare, intanto, la carne del bollito avanzata, togliendo eventuali ossa. Aggiungerla al soffritto precotto, mettere il triplo concentrato, alloro, ginepro, rosmarino e inserire un bicchiere circa del brodo dove è stata cotta la carne. Non deve far altro che coprire la carne, se ne mettete di più, per esperienza, il ripieno diventa veramente pesante da digerire. Far andare a fuoco lento fino a che il liquido non si sarà assorbito. Ci vorrà una ventina di minuti per fare un ragù da riciclare bollito. Potete semplicemente condirci la pastasciutta. Aggiustare sale e pepe. Far raffreddare.

Riempire i paccheri senza fare danni e cuocerli

Nel frattempo bollire i paccheri in abbondante acqua salata (10 g per litro di sale) fino a metà cottura o poco più. Di solito ci impiegano 12-15 minuti. Quindi massimo,massimo una decina di minuti. Alcuni si romperanno e la dose tiene conto anche di questo. Raffreddarli subito in acqua corrente fredda.

paccheri ripieni

Preparare la besciamella piuttosto liquida e grattugiare il parmigiano. Imburrare e mettere il pangrattato per rendere antiaderente sullo stampo da forno. Che deve essere alto almeno quanto il pacherò in questione.

Prendere un sac-a-poche. Inserire il ripieno di bollito e verdure. Prendere un pacchero alla volta, appoggiarlo ai lati dello stampo e riempirlo. Appoggiare quello seguente e riempirlo. Avanti così fino a riempire lo stampo. Se qualche pasta è rotta potete utilizzarla lo stesso. I picchieri vanno coperti con la besciamella e cosparsi di parmigiano. Il tutto va infilato in forno a 200°C ai piani alti per gratinare una decina di minuti.