Casunziei ampezzani

Oltre che belli, i casunziei ampezzani sono buoni, anche se non a tutti piace quel gusto dolciastro di barbabietola e spezie. Di sicuro sono particolari.

Sono facili da preparare, oltre che economici. Si trovano un po’ in tutto il Bellunese, in particolare, nella zona di Cortina d’Ampezzo. Si trova nell’arco delle Dolomiti, in Veneto, ci tengo, mi raccomando.

Anche se non è il massimo, in fondo, patate e barbabietola si possono trovare comodamente confezionati e già cotti all’interno del banco frigo nei supermercati. In effetti, il sapore ne risente, ma visto che da altre parti d’Italia trovarli pronti forse non è facile, può essere un’alternativa.

Per altre ricette di primi, consulta questo blog.

ricetta casunziei ampezzani

Ricetta casunziei ampezzani

Ingredienti

per due persone, tempo di preparazione 1 ora circa, metà con ripieno già cotto

Per la pasta
farina 00 | 50 g
semola rimacinata di grano duro | 50 g
uova | 1
sale | qb

Per il ripieno
barbabietole rosse | 3
patate | 1
cannella in polvere | la punta di un cucchiaino
noce moscata in polvere | la punta di un cucchiaino
burro | 10 g
pan grattato | 30 g
sale | qb

Per il condimento
burro | 60 g
semi di papavero | 30 g
ricotta affumicata o parmigiano reggiano gratuggiato | qb

Procedimento

Fare l’impasto per la sfoglia all’uovo. Lasciarlo riposare in frigo almeno mezz’ora.

Bollire patate e barbabietole fino a che non sono tenere. Pelarle e farle raffreddare.

Su un pentolino sciogliere il burro poi versare il pangrattato e farlo dorare appena.
Passare nel mixer velocemente gli ingredienti del ripieno con l’aggiunta delle spezie e una piccola presa di sale.

preparazione casunziei

Tirare la sfoglia. Tagliare dei dischi rotondi con un bicchiere, o meglio, con un coppa pasta. Versare il ripieno in un sac à poche o, se preferite, in una siringa rigida, più facile da maneggiare e mettere il ripieno al centro dei dischi.
Prendere un piccolo pennello e dell’acqua. Passare i bordi prima di chiudere ciascun raviolo.
Spolverare con un po’ di farina e mettere su un vassoio.

casunziei

Portare a bollore in una pentola alta dell’acqua. Quando bolle, salarla come per una normale pasta.

Poi, versare i casunziei piano, senza lanciarli per non scottarsi. A seconda dello spessore e della freschezza della pasta, ci vorranno dai 5 ai 10 minuti.

Su un pentolino far soffriggere il burro e i semi di papavero fino a che non sfregolano un pochino. Se avete paura che il burro diventi nero, mentre fate altro, mettete anche un goccio d’olio.

Infine, scolare e condire.

PS: i casunziei si possono congelare.