Gamberi mandorlati

Per questi gamberi mandorlati si fa veloci e si porta in tavola un secondo delizioso.. Si mettono in padella i gamberi con mandorle pochi minuti ad alta temperatura. Ci vogliono poche accotezze per renderli proprio gustosi.

Se volete fare i gamberi impanati alle mandorle la cosa migliore è friggerli. Con una pastella 50% farina 00 e 50% farina di riso e le mandorle. Si ha così una tempura di gamberi e mandorle.

Oppure è possibile passarli nell’albume e ricoprirli di scaglie. Ottimi così sia fritti, sia come gamberi mandorlati forno. In padella e’ sconsigliato perché i gamberoni si muovono troppo. Fritti sono buoni anche con la salsa al peperone e miele.

Il cavolo rosso a me non piace tanto perché ha un gusto forte e amaro, poi se lo mangio solo fa strani effetti collaterali di gonfiore addominale. Per questo, ho aggiunto il cumino in cottura. Valida alternativa per un secondo più estivo, può essere il cappuccio crudo condito con yogurt.

gamberi mandorlati

Gamberi mandorlati ricetta

Procedimento per la cottura del cavolo viola

  • cavolo viola tagliato sottile lavato crudo | 80 grammi
  • cumino, sale e pepe a piacere
  • olio extravergine d’oliva | 25 g

Stufare il cavolo viola, per 30 minuti, su una pentola larga e bassa, preferibilmente in ghisa, con il coperchio, insieme all’olio, sale, pepe e al cumino, ad un dito d’acqua se, iniziata la cottura da 10 minuti, tende ad attaccare.

Procedimento per i gamberi alle mandorle

  • code di gambero sgusciate, private del nero | 12/15 a persona
  • mandorle a scaglie | 25 grammi a persona
  • brandy | 35 ml a persona + un cucchiaino di miele (opzionale)
  • aglio | 1 spicchio a persona in camicia
  • rosmarino o altre erbe aromatiche a piacere
  • pepe nero o bianco, sale marino a piacere
  • olio extrvergine d’oliva | 25 g

Su una padella antiaderente, tostare le mandorle 5 minuti a fiamma media, fino a che non cambiano colore, diventando brune sui bordi. Metterle su un piatto a parte.

Poi mettere l’olio, l’aglio in camicia, il rosmarino, accendere di nuovo a fiamma media e attendere che tutto sia ben caldo prima di versare i gamberi. Quando li si mette alzare al massimo, specie se sono freddi da frigo e poi tornare a media potenza. Rosolarli bene ambo le parti, girarli con l’aiuto di una pinza da cucina. Basta un minuto e mezzo/due per parteo rischiano di diventare duri.

Nel frattempo, mettere sul piatto da portata il cavolo viola. Pepare e togliere dal fuoco i crostacei, disponendoli sul piatto che andrà in tavola. Mettere anche la frutta secca sui gamberi con le mandorle.

Lasciare il resto degli ingredienti in padella e versare il brandy. Far rapprendere il sugo fino a che sembra un caramello. Se proprio volete farla dolce e sporca, ci mettete anche un cucchiaino di miele. Con l’aiuto di una spatola raccoglierlo e versarlo a gocce nel piatto. A me piace mettere una grattata di sale dolce di Cervia prima di servire.