Pane proteico con farina di ceci

Il pane proteico con farina di ceci fa parte della serie mi son stufato di fare la cecina e della farina di ceci non sai che fartene, usala nell’impasto del pane. Tanto lì ci sta bene tutto, o quasi.

In realtà, la farina di ceci regala un gusto dolce e saporito alla pagnotta in questione, oltre che croccantezza e profumo, molto più di una farina di soia, visto che sempre di legumi si tratta. Quest’ultima, tuttavia, tagliata nelle brioche è super. Per un pane salato preferisco al gusto i ceci.

Se volete aumentare la quantità di proteine oltre 1/4 della farina

E’ vivamente consigliato denaturare la farina di ceci in forno per almeno 1 ora e mezza a 90°C. Con questa farina potete anche fare la pasta. Una volta passata al forno sarà più incline a non spaccarsi nell’impasto. Comunque, da evitare di andare a tagliare oltre 1/2, il gusto diventa davvero troppo intenso e il pane poco alveolato.

Se vuoi vedere altre ricette di lievitati, allora, dai un’occhiata a questo blog di cucina oppure scarica un e-book a tema.

Pane proteico con farina di ceci

Ricetta per Pane proteico con farina di ceci

Ingredienti

Per una pagnotta da 700 g

Tempo di preparazione

  • 300 grammi di farina manitoba
  • 100 grammi di farina di ceci
  • 300 grammi d’acqua
  • 7 grammi di lievito naturale secco
  • un cucchiaio di olio
  • un cucchiaino di sale
  • farina di semola

Procedimento

Impastare tutti gli ingredienti, tranne olio, sale  e 100 grammi d’acqua. Deve risultare un impasto duro e poco consistente.

Lasciare riposare mezz’ora, poi aggiungere gli altri ingredienti fino a completo assorbimento. E’ vivamente consigliata l’impastatrice o le braccia possenti di qualche “giovine”.

Far lievitare per un’ora e mezza con un canovaccio o un telo in plastica che copre l’impasto. Stendere la carta da forno e con l’aiuto di un po’ di farina di semola creare una, due o tre pagnotte.

Lasciare lievitare ancora per altri 40 minuti. Infilare in forno a 120 gradi con un po’ di umidità per i primi 10 minuti. Poi, alzare a 200 e attendere che la crosta esterna sia dorata, più o meno venti minuti, anche se dipende dalle dimensioni che farete delle pagnotte.

Si manterranno benissimo per 2-3 giorni, questo è lo scopo di fare l’eventuale noiosa divisione: mantenere l’umidità e il pane più a lungo. Un po’ come tutti i pani fatti in casa con farine buone.