Pasta polpette e fantasia

Pasta + polpette: uno strano abbinamento che ha origine in Abruzzo, dove si usa con gli spaghetti alla chitarra. Si fanno tante micro polpettine da cuocere in un sugo rosso. Una vera e propria delizia per il palato, tanto che anche Lilli e il Vagabondo ne fanno una romantica scorpacciata.

In mancanza della pasta all’uovo alla chitarra, vanno bene anche gli spaghetti, le linguine o bavette, insomma qualunque altro formato di pasta lunga abbiate nella credenza. Per le polpette si possono usare anche avanzi di salumi, di carne lessa e simili.

Pasta polpette

Ingredienti (per due persone)

pasta lunga | 160 g
polpa di pomodoro a pezzettoni | 200 g
cipolla | 40 g

per le polpette
macinato misto bovino-maiale | 100 g
salumi (culatello, mortadella, prosciutto) | 30 g
parmigiano reggiano grattugiato | 50 g
uovo | 1 piccolo
pangrattato | qb
olio extravergine d’oliva | 4 cucchiai
noce moscata | qb
sale e pepe | qb
prezzemolo | qb

Procedimento

Lavorare la carne con gli altri ingredienti in un mixer. Aggiungere 1-2 cucchiai di pangrattato, se serve, per rendere della giusta densitΓ  il composto. Formare le palline per la pasta polpette. Devono essere un pochino appiccicose piuttosto che dure.

Farle friggere in una padella con un fondo abbastanza consistente di olio. Toglierle una volta rosolate e farle asciugare su carta da fritti.

Aggiungere ancora un pizzico d’olio e la cipolla tagliata a pezzettini. Farla rosolare piano e poi mettere anche il pomodoro a pezzetti. Far rapprendere il sugo per la pasta polpette e rimettere all’interno la carne. Spegnere il fuoco.

Mettere a bollire dell’acqua. Salarla. Versare la pasta per il tempo di cottura indicato sulla confezione, togliendo un paio di minuti. Scolarla – tenendo da parte un pizzico di acqua di cottura che puΓ² servire se risulta troppo asciutta – e saltarla velocemente facendo attenzione a non rompere le polpette per il paio di minuti mancanti.