Spaghetti farro, acciughe e mollica piccante

Questi spaghetti farro, acciughe e mollica piccante sono una pasta semplicissima da fare e molto, ma mooolto gustosa. L’unico problema, diciamo, se così si può definire, è dosare bene le acciughe e il piccante. Poi io adoro il pane, specie tostato. Quindi, abbondo con la mollica spesso e volentieri.  Al posto della mollica potete mettere anche il pan grattato, magari ricavato da una bella pagnotta di quelle domenicali di semola e cotta in forno a legna. E’ la morte sua.

La ricetta spaghetti farro, acciughe e mollica sono una semplice rivisitazione della pasta siciliana. Per ricordare i sapori siculi, io c’ho messo il finocchietto, perché sul balcone è tra le mie erbette. Va benissimo anche il prezzemolo, anzi con gli spaghetti farro risulta meno amarognolo del finocchietto, per dirla tutta fino in fondo.

Spaghetti farro acciughe e mollica piccante

 

Spaghetti farro, acciughe e mollica piccante

Spaghetti farro acciughe e mollica piccante

Ingredienti per due persone

spaghetti farro (Monograno Felicetti, nel mio caso) | 160 g
pane secco o | 50 g
acciughe piccanti | 30 g
olio extravergine d’oliva | qb
prezzemolo o finocchietto | qb
sale e pepe | qb

Procedimento

Mettere a bollire in una pentola capiente l’acqua per la pasta. La proporzione in genere è un litro ogni 100 grammi.  Salarla, con sale grosso, appena bolle per non rovinare la pentola e fare in modo che arrivi a temperatura prima e avere una perfetta cottura degli spaghetti farro.

Tostare il pane a 200°C in forno per 3 minuti, se fresco. Altrimenti metterlo direttamente nel mixer in piccoli pezzi. Tritarlo anche grossolanamente.

Scaldare una padella con un paio di cucchiaio con olio extravergine d’oliva. Mettere anche la mollica e lasciare tostare fino a che il composto non è dorato e croccante.

Su un’altra padellina – o sulla stessa, una volta finito di tostare la mollica per gli spaghetti farro e averla trasferita su un piatto per farla restare “scricchiolante” – mettere il fuoco al minimo e sciogliere con un po’ di acqua di cottura le acciughe con il peperoncino.

Tritare il finocchietto o il prezzemolo.

Versare la pasta e cuocerla fino a un minuto dal termine della cottura. Togliere un bicchiere di acqua di cottura, prima di scolare. Rimettere gli spaghetti farro in pentola  le acciughe disciolte e un pizzico di olio, se serve anche con altra acqua di cottura, visto che la pasta tenderà ad asciugare.

Cospargere con il pangrattato e con l’erbetta tritata e servire.